Il taccuino di Maurizio Nicosia

Pensieri sulla fotografia. Aggiorna la pagina, se vuoi leggerne altri

  • Iniziare una conversazione
    Quando fotografo cerco una sorta di risonanza, un collegamento, cerco di riconoscere una scintilla. Di solito, non preparo in modo complesso i miei viaggi. Cammino, esploro e fotografo. Non so mai se resterò in un posto per alcuni minuti, per ore o per giorni. Avvicinarmi al soggetto da fotografare è per me un po’ come incontrare una persona e iniziare una conversazione. Come si fa a sapere in anticipo quale sarà l’oggetto della discussione, quanto potrà diventare intimo il dialogo, per quanto tempo durerà il rapporto?
    Michael Kenna
  • Non mettere a fuoco nulla
    Di ciò che gli si presenta allo sguardo, il fotografo non deve a priori privilegiare nulla, cause ed effetti del mondo visibile, lasciare la libera concatenazione, mettere tra parentesi il suo gusto personale, il suo giudizio, non "mettere a fuoco" nulla. Solo allora potrà attingere dalla realtà –senza averla alterata– ciò che è apparentemente insignificante e che si rivelerà denso di significato.
    Jean Clair
  • Una serie di attimi
    Solo la fotografia ha saputo dividere la vita umana in una serie di attimi, ognuno dei quali ha il valore di una intera esistenza.
    Eadweard Muybridge
  • Suggerimenti o affermazioni
    Una differenza molto importante tra il colore e la fotografia monocromatica: in bianco e nero suggerisci; a colori affermi.
    Paul Outerbridge
  • Riproduce all'infinito
    Ciò che la fotografia riproduce all’infinito ha avuto luogo una sola volta: essa ripete meccanicamente ciò che non potrà mai più ripetersi esistenzialmente
    Roland Barthes